Un volo oltre il tempo e lo spazio con Mauro Brattini

Sabato mattina si è svolta l’inaugurazione della mostra di Mauro Brattini, “Oltre il tempo e lo spazio”, che si sviluppa all’interno della Galleria d’Arte Contemporanea “Osvaldo Licini”, presso il chiostro di Sant’Agostino. Le opere esposte sono quasi tutte polimateriche su tavola: si tratta di una tecnica pittorica ricca di effetti tattili e volumetrici sottili. I colori delle composizioni sono molto accesi (si va dal glicine all’azzurro, dal rosso al blu, fino al bianco brillante e madreperlaceo) e le figure paiono a prima vista enigmatiche. In verità, seguendo i suggerimenti forniti dal titolo della mostra e dai titoli molto precisi e pertinenti delle opere, si può agevolmente “squarciare il velo” della poetica dell’artista. L’espressione non è casuale. Infatti tali figure intendono suggerire una visione che si proietta “oltre il tempo e lo spazio”. L’arte può adottare solo metafore, può suggerirci realtà parallele alla nostra: il suo compito non è quello di dimostrare, bensì di intuire e mostrare.

Tuttavia può capitare che le intuizioni artistiche rivelino spesso una occulta corrispondenza con teorie e scoperte di natura scientifica. In tal caso l’orizzonte è quello della fisica della materia. Le opere di Brattini esprimono con ermetica chiarezza una serie di concetti, che potremmo mutuare dalla fisica moderna, accompagnata dalle idee delle filosofie orientali. Cercherò di seguire solo alcune possibili “fulgurazioni”:

Mauro Brattini, Incontro a N.Y. dimensione 11^, 2014

Mauro Brattini, Incontro a N.Y. dimensione 11^, 2014 – polimaterico su tavole – cm 70×80

  1. Lo spazio e il tempo sono costruzioni della mente, in quanto tali sono illusori e relativi. Le nozioni di spazio e tempo sono legate a particolari stati di coscienza. In tal caso le teorie di Einstein andrebbero a braccetto con il misticismo orientale. Com’è noto spazio e tempo non sono separati, ma formano un continuum spaziotemporale.
  2. L’universo è dinamico: la sua struttura somiglia a una rete inestricabile di linee e correnti (stringhe) in perenne mutamento. A livello microscopico la materia è agitata, vibra: tutto scorre, direbbe Eraclito. Come dimostrano gli acceleratori di particelle, l’universo è impegnato in una continua “danza cosmica” di creazione e distruzione.
  3. Il vuoto non è “vuoto”, ovvero un nulla cosmico, ma al contrario è la sorgente di tutta la vita o almeno ne contiene le potenzialità. In Oriente di parla di Brahman, Tao, ecc.

Scendendo nel concreto, Brattini sembra apprezzare in modo particolare le linee curve e dinamiche, materiche, simili al flusso incessante di particelle nel cosmo, che si aggregano e disgregano. L’artista è affascinato dall’idea che la natura fenomenica che noi percepiamo (solida, fissa, con precise coordinate spazio-temporali) è solo un aspetto della realtà: in verità egli è più attratto dal lato nascosto del reale, quello studiato dai fisici quantistici, che mostra dilatazioni dello spazio-tempo, flussi vorticosi di energia, dove si aprono dei varchi, degli squarci. Vi è poi la fascinazione per l’unione dei contrari, per la danza intrecciata del principio maschile (yang) e femminile (yin), resi da colori diversi, che s’intrecciano e s’incontrano (pur essendo asintotici: quasi un paradosso Zen). Consiglio in tal caso di accompagnare la fruizione consapevole di queste opere con la lettura a frammenti di un famoso saggio del 1975, più volte ristampato: Il Tao della fisica di Fritjof Capra (edito da Adelphi).

Mauro Brattini, Fluttuazioni asintotiche spazio temporali N.Y. - BO

Mauro Brattini, Fluttuazioni asintotiche spazio temporali N.Y. – BO, 2014 – polimaterico su tavole – cm 106×101

I concetti suggeriti dall’artista non sono però meramente astratti, bensì calati nella realtà fenomenica: è il caso delle tavole che raffigurano una New York in lontananza, che posa su una striscia di terra al centro della composizione, circondata dall’acqua (in basso) e dall’aria (in alto). I principi dell’acqua e dell’aria permettono di manifestare le curvature spaziotemporali dinamiche, che perturbano la realtà oggettiva, creando una sostanza fluida e mobile. È proprio nell’incontro di queste onde o stringhe di energia pittorica e polimaterica che si aprono sottili ferite, esili varchi, resi metaforicamente dall’inserzione di specchietti. In un caso particolare, Fluttuazioni asintotiche spazio temporali N.Y. – BO, la turrita New York si fonde con le cento torri di Ascoli e con gli edifici gentilizi di Bologna. La strana megalopoli sospesa tra passato, presente e futuro, è racchiusa da due ali spaziotemporali curve e dinamiche, nell’acqua e nel cielo, che sono forse la causa della bizzarra fusione tra i diversi tempi e le distinte città. Ma le curve dinamiche non sono sempre misteriose: in alcuni casi si aggregano a formare figure ben riconoscibili, come quella di un uccello, una sorta di fenice madreperlacea che si libra in un Volo oltre. Le fenici raddoppiano in Libertà asintotica.

Mauro Brattini, Volo oltre, 2014

Mauro Brattini, Volo oltre, 2014 – polimaterico su tavola – cm 76×58

Brattini ha composto un monumento a Viareggio, in ricordo delle vittime della strage ferroviaria, dove appare un simile uccello. La pulsione di volare via, oltre il tempo e lo spazio, sembra connotare la personalità stessa dell’artista, che di certo ama perdersi nei suoi voli nel cielo iperuranio, salvo poi tornare sulla terra per rendere testimonianza delle sue intuizioni attraverso la manualità più pura. In tal caso l’affinità con le opere astratte e sognanti di Licini è calzante e convincente. Un motivo in più per visitare la Galleria d’Arte Contemporanea, che riposa all’ombra del chiostro di Sant’Agostino.

Primo De Vecchis

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...