“Astrattismo figurativo” di Diego Pierpaoli

Martedì 26 maggio alle ore 17,30 si è svolta presso la Sala Cola dell’Amatrice l’inaugurazione della mostra di pittura e scultura di Diego Pierpaoli dal titolo Astrattismo figurativo. La mostra durerà fino al 7 giugno 2015. Qui di seguito riportiamo la presentazione del Prof. Stefano Papetti, che ha inquadrato la figura dell’artista, sottolineando la stima che il grande critico Giulio Carlo Argan evidenziò per le opere di Pierpaoli e per il “Gruppo Immanentista” sin dal 1973.

pierpaoli2Tutti i più importanti santuari del mondo greco sono stati edificati in luoghi appartati, di grande suggestione dal punto di vista naturalistico ed ambientale: il tempio di Apollo a Delfi e quello di Zeus ad Olimpia furono eretti in scenari naturali particolarmente significativi ed il legame tra la divinità, la natura e la creazione artistica presiede ancora oggi la singolare esposizione delle proprie opere allestita da Diego Pierpaoli tra le balze rocciose, i boschi, le radure e gli incantevoli scenari appenninici di Arquata del Tronto.
È lì che l’artista marchigiano opera da vari decenni, dimostrando come l’attaccamento alla propria terra non escluda la possibilità di mantenere vivi i contatti con altre realtà più vivaci e stimolanti: pittore, scultore, musicista e saggista Pierpaoli ha attraversato gli ultimi lustri del XX secolo senza trascurare di conoscere e di confrontarsi con quanto accadeva nel contesto artistico internazionale, una conoscenza retrospettiva che include anche la ammirazione per l’arte del passato, per quel mondo remoto che un rinnovato spirito futurista, negli anni Settanta, considerava come retrogrado.
pierpaoli_thebestPierpaoli, dopo il vivace scontro tra figurazione e astrazione del secondo dopoguerra, ha cercato di conciliare gli opposti, muovendosi tra avanguardia e tradizione. Dando vita al gruppo degli Immanentisti, del quale è stato il teorico e il principale animatore, l’artista marchigiano ha stimolato molti giovani pittori locali, aiutandoli a riflettere e a prendere consapevolezza del valore etico del loro agire.
Le torri medievali di Ascoli potevano forse ricordare i grattacieli di New York, le gallerie locali sembravano emulare quella celeberrima di Lou Castelli, gli studi di pittura ospitati nei fondaci degli antichi palazzi potevano rappresentare una versione provinciale della Factory di Andy Wharol: insomma, secondo Pierpaoli si poteva benissimo operare ad Ascoli Piceno senza rischiare di non apparire “up to date”.

pierpaoli4La forza di questa posizione venne immediatamente compresa da Giulio Carlo Argan che dal 1973 ha seguito e incoraggiato il percorso degli Immanentisti: egli giudicava il loro lavoro “… preziosissimo per la città di Ascoli Piceno… dando forza a questo centro di affermarsi sul piano della cultura nazionale ed è un fenomeno bello, vivo della cultura artistica
contemporanea” al punto che l’insigne studioso si augurava che una irradiazione del loro lavoro e della consapevolezza con la quale questo lavoro veniva fatto, si riverberasse in tutto il paese.
pierpaoli_piatti2Un auspicio che si è avverato soltanto in parte ed oggi, rivedere i dipinti e le sculture di Pierpaoli, può rappresentare una estrema occasione di condivisione e di apprezzamento per un’opera di apostolato artistico degna di miglior fortuna.
Stefano Papetti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...