Maestri del Novecento

Giovedì pomeriggio presso la Galleria di Arte Contemporanea Osvaldo Licini c’è stata una piccola movimentazione di dipinti. Tre opere rispettivamente di Hans Hartung, Lucio Fontana e Osvaldo Licini sono state prestate al MACA, il Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Acri in provincia di Cosenza per una mostra dal titolo “Il blu nell’arte da Yves Klein a Jan Fabre” che sarà allestita presso il Palazzo Sanseverino Falcone a partire dalla fine del mese di giugno 2015.

Osvaldo Licini,

Osvaldo Licini, “Ritmo”

I quadri sono stati sostituiti da tre opere di grande pregio di Man Ray (1890-1976), Karel Appel (1921-2006) e lo stesso Osvaldo Licini (1894-1958). Ma andiamo con ordine. La mostra calabrese ha come emblema il colore blu e infatti il capolavoro enigmatico di Hans Hartung prende il nome di Linee nere su fondo blu. Invece i cinque tagli di Lucio Fontana su fondo blu sono stati intitolati L’attesa Il telefono rotto. Infine di Osvaldo Licini è stato scelto un Ritmo bluastro e alquanto suggestivo.

Karel Appel,

Karel Appel, “Senza titolo”, 1977.

I capolavori scelti a sostituzione di quelli andati in prestito sono eterogenei ma vivaci, una litografia Senza titolo di Man Ray (1890-1976), una tempera su carta sempre Senza titolo di Karel Appel (1921-2006) e una matita penna inchiostro di Osvaldo Licini dal titolo Studio per croci viventi del 1950 circa.

Man Ray,

Man Ray, “Senza titolo”, litografia 58/99.

Le prime due opere si trovano nella saletta dedicata ai Maestri del Novecento (Collezione Celi Hellstrom), che merita di essere visitata per la qualità e il valore degli artisti.

pdv

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...