“Francesco nell’arte: da Cimabue a Caravaggio” • Zanino di Pietro

Continuando il nostro percorso tra i capolavori della mostra “Francesco nell’arte: da Cimabue a Caravaggio”, approfondiamo oggi una tra le opere più rare che sono giunte nella Pinacoteca Civica di Ascoli Piceno: il trittico Quattrocentesco dell’artista bolognese Zanino di Pietro.

Come ci espone il Prof. Stefano Papetti in questo video, l’opera proviene da un luogo significativo della vita di San Francesco: il monastero di Fonte Colombo in provincia di Rieti, luogo in cui il santo scrisse la Regola e dove, molto probabilmente, fu curato per una malattia agli occhi che portò conseguenze fino agli ultimi istanti della sua vita.

Si tratta di un trittico con ali apribili: infatti, se si fa attenzione, le due ali sono dipinte anche sul retro, con scene della vita del Santo, che traggono ispirazione dagli affreschi della Basilica di Assisi.

Al centro è raffigurata la Crocefissione, con una particolare attenzione ai dettagli e alla componente emotiva ed espressiva, molto forte. Ai lati, sono raffigurati diversi santi francescani, tra cui San Francesco sulla sinistra accanto a Santa Chiara e a un’altra beata.

 

 

 

Marta Peroni

Annunci