La mattonella di Caravaggio: il romanzo di Dino Falconio sul soggiorno napoletano del celebre pittore

Venerdì 28 aprile alle ore 18 presso la Sala della Vittoria della Pinacoteca Civica di Ascoli Piceno sarà presentato il volume di Dino Falconio “La mattonella di Caravaggio” edito da Cairo Editore: a parlare del testo scritto dall’autore napoletano saranno Vittorio Sgarbi e  Stefano Papetti, mentre la lettura di alcuni significativi brani del romanzo è affidata alla sapiente interpretazione di una straordinaria attrice, Piera Degli Esposti. Prendendo spunto dal soggiorno di Caravaggio, in fuga da Roma, presente a Napoli fra il 1606 e il 1607, Falconio pone il pittore al centro di una avvincente trama che intreccia i destini di varie persone, monache e prostitute, aristocratici partenopei e spagnoli, prelati e perpetue, osti e marinai offrendoci uno spaccato quanto mai vivo della realtà napoletana del Seicento.
Annunci

Giornate da Mastro Cartaio, in programma presso i Musei della Cartiera Papale di Ascoli Piceno, il 23-25-30 aprile ed il 1°maggio.

Sarà possibile visitare l’intero complesso museale, le antiche Macine, la Cartiera Papale, la sezione multimediale “Tutta l’acqua del Mondo” ed il Museo di Storia Naturale “A. Orsini”. Alla fine del percorso adulti e bambini realizzeranno il proprio foglio di carta secondo la tecnica degli antichi mastri cartai.

Si informa che in occasione di Fritto Misto, manifestazione enogastronomica in programma in Piazza Arringo dal 22 aprile al 1° maggio, i possessori della Fritto Card potranno visitare acosto ridotto i Musei Civici (Pinacoteca Civica, Forte Malatesta, la Galleria d’Arte Contemporanea “Licini” e il Museo dell’Arte Ceramica) ed i Musei della Cartiera Papale.

Sul Corriere Adriatico di ieri si riporta la notizia di due turisti padovani che, spaventati dai ponteggi che mettono in sicurezza lo scalone di Palazzo Arringo, hanno deciso di non visitare la Pinacoteca, preferendo approfittare della bella giornata di sole per restare all’aperto. Alla loro scelta si contrappone quella di 200 visitatori impavidi che fra Pasqua e Pasquetta hanno invece deciso di visitare la Pinacoteca e la mostra “Minimi avanzi” delle strabilianti sculture in maiolica di Bertozzi e Casoni, nonostante i segni lasciati dal terremoto sullo scalone del palazzo. Grazie a quella messa in sicurezza prontamente realizzata dall’amministrazione comunale, i Musei Civici di Ascoli Piceno sono gli unici nelle province di Fermo, Macerata ed Ascoli Piceno ad essere aperti al pubblico, svolgendo regolare attività didattica per gli studenti delle scuole, offrendo ai turisti che giungono ad Ascoli Piceno la possibilità di ammirare i capolavori conservati nei nostri musei, ospitando importanti convegni come quello nazionale dei Medici Cattolici e non da ultimo consentendo ai giovani operatori museali di continuare con passione il loro lavoro in un periodo in cui la disoccupazione cresce. E’ importante in un momento di grande instabilità emotiva per le popolazioni colpite tanto seriamente dal sisma che i presidi culturali ed identitari del territorio non restino chiusi: se i due turisti padovani non l’hanno compreso è perchè sono terremotati culturalmente e a questo deficit cerebrale non c’è ponteggio che ponga rimedio.

12000 VISITATORI AL GIORNO AMMIRANO LE OPERE DELLE MARCHE ESPOSTE AGLI UFFIZI

E’ di 12000 visitatori al giorno la media di quanti sfilano dinnanzi ai 25 capolavori provenienti dai centro terremotati delle Marche esposti dalla settimana scorsa alla Galleria degli Uffizi, una vetrina di grande risalto per le città rappresentate fra le quali figura anche Ascoli Piceno. Tra le opere selezionate per la mostra “Facciamo presto”spicca infatti la tela di Carlo Maratti rappresentante “Santa Francesca Romana  in adorazione della Vergine con il Bambino” dipinta nel 1654 per la chiesa di sant’Angelo Magno, dalla quale il dipinto è stato rimosso per  ragioni di sicurezza dopo le scosse del 30 ottobre 2016.
Il prestito delle opere consentirà di raccogliere una cifra consistente per realizzare interventi finalizzati al restauro del patrimonio storico-artistico regionale a vantaggio del quale il Ministero verserà un contributo di un euro per ogni biglietto di ingresso alla Galleria degli Uffizi.

UNA INIZIATIVA DEL PIO SODALIZIO DEI PICENI PER PROMUOVERE LE MARCHE

 Si è inaugurata ieri pomeriggio presso il Pio Sodalizio dei Piceni a Roma la mostra “Dai Crivelli a Rubens” organizzata in collaborazione con Civita per promuovere il turismo culturale nelle località delle Marche meridionali colpite dal sisma. Più di 500 persona hanno assistito alla presentazione della mostra accompagnate dalle spiegazioni dei curatori, Anna Lo Bianco, Claudio Maggini e Stefano Papetti che hanno illustrato ai numerosi ospiti i capolavori di Carlo e Vittore Crivelli, di Pietro Alamanno, di Giuliano Presutti, di Rubens, di Gaulli e di Pietro da Cortona esposte nella sale del Pio Sodalizio sino al prossimo mese di giugno.

I PITTORI IN ERBA ESPONGONO LE LORO OPERE IN PINACOTECA

Domenica pomeriggio, alla presenza dell’assessore alla cultura Giorgia Latini, sono stati esposti presso la Sala della Vittoria della Pinacoteca Civica i dipinti su tavola e gli acquarelli realizzati dai giovani partecipanti al corso di pittura organizzato nelle settimane scorse dai gestori dei Musei Civici di Ascoli Piceno. I dipinti ispirati alle opere di Crivelli, Alemanno e Giulio Gabrielli resteranno in esposizione per alcuni giorni offrendo anche ai visitatori dei musei la possibilità di constatare l’ intensa attività didattica svolta presso i musei di Ascoli al fine di avvicinare i giovani alla conoscenza dell’arte ed alla consapevolezza dell’importanza del patrimonio artistico cittadino.