12000 VISITATORI AL GIORNO AMMIRANO LE OPERE DELLE MARCHE ESPOSTE AGLI UFFIZI

E’ di 12000 visitatori al giorno la media di quanti sfilano dinnanzi ai 25 capolavori provenienti dai centro terremotati delle Marche esposti dalla settimana scorsa alla Galleria degli Uffizi, una vetrina di grande risalto per le città rappresentate fra le quali figura anche Ascoli Piceno. Tra le opere selezionate per la mostra “Facciamo presto”spicca infatti la tela di Carlo Maratti rappresentante “Santa Francesca Romana  in adorazione della Vergine con il Bambino” dipinta nel 1654 per la chiesa di sant’Angelo Magno, dalla quale il dipinto è stato rimosso per  ragioni di sicurezza dopo le scosse del 30 ottobre 2016.
Il prestito delle opere consentirà di raccogliere una cifra consistente per realizzare interventi finalizzati al restauro del patrimonio storico-artistico regionale a vantaggio del quale il Ministero verserà un contributo di un euro per ogni biglietto di ingresso alla Galleria degli Uffizi.

UNA INIZIATIVA DEL PIO SODALIZIO DEI PICENI PER PROMUOVERE LE MARCHE

 Si è inaugurata ieri pomeriggio presso il Pio Sodalizio dei Piceni a Roma la mostra “Dai Crivelli a Rubens” organizzata in collaborazione con Civita per promuovere il turismo culturale nelle località delle Marche meridionali colpite dal sisma. Più di 500 persona hanno assistito alla presentazione della mostra accompagnate dalle spiegazioni dei curatori, Anna Lo Bianco, Claudio Maggini e Stefano Papetti che hanno illustrato ai numerosi ospiti i capolavori di Carlo e Vittore Crivelli, di Pietro Alamanno, di Giuliano Presutti, di Rubens, di Gaulli e di Pietro da Cortona esposte nella sale del Pio Sodalizio sino al prossimo mese di giugno.