Premio di Laurea “Luca Luna” 2017

Mercoledì 2 agosto ore 11:30
Pinacoteca Civica – Sala della Vittoria
Piazza Arringo
Ascoli Piceno

Cerimonia di consegna del Premio di Laurea biennale intitolato alla memoria del prof. Luca Luna e dedicato alle laureate e ai laureati del Corso di Laurea in

Tecnologie e Diagnostica per la Conservazione e il Restauro

Università degli Studi di Camerino – sede di Ascoli Piceno

Il Premio sarà consegnato dalla prof.ssa Erminia Tosti Luna

 
Annunci

Franco Mulas “DEFRAG”. Opere 1967 – 2017

I Musei Civici di Ascoli Piceno presentano presso il Palazzo dei Capitani del Popolo una grande mostra antologica di Franco Mulas, a cura di Lorenzo Canova e di Stefano Papetti, che raccoglie cinquant’anni di lavoro: un lungo viaggio articolato e coerente attraverso la pittura di un maestro che ha sempre affrontato in modo incisivo e drammatico le trasformazioni del mondo contemporaneo.

Mulas, autore dello Stendardo della Quintana di quest’anno, presenta ad Ascoli un percorso che va dalle immagini inquietanti dei week end della fine degli anni Sessanta alle opere più recenti, dove la sua visione raggiunge i confini dell’astrazione.

In cinque decenni di lavoro, Mulas ha scoperto dunque costantemente le ferite del suo tempo, rarefacendo sempre di più la presenza dell’immagine per raggiungere il nucleo dolente di una pittura che si fa pelle corrosa e lacerata, sia pure nella sua rigorosa e quasi metallica compattezza, in un accumulo di segni e velature che sembrano condensare tutti i passaggi del suo articolato cammino artistico.

Questa materia dura e lucente, questo intreccio metaforico di passaggi e di innesti cromatici, non è soltanto un semplice elemento formale e stilistico, ma rappresenta un nucleo basilare del sistema visivo dell’autore, una struttura costruttiva che lo ha sostenuto nei diversi passaggi e nelle trasformazioni del suo percorso, un codice genetico che accompagna la crescita e le mutazioni del corpo della sua pittura.

Mulas ha percorso così un importante cammino di sublimazione nel corso del quale l’immagine ha cambiato gradualmente la sua presenza e il suo senso fino alle soglie estreme delle opere più recenti in cui coniuga le sue precedenti esperienze con una rilettura efficace e innovativa delle esperienze informali, dipingendo quadri dove aumenta il senso della ferita e della privazione, in una visione che si avvicina alla contemplazione desolata delle macerie culturali di un presente dove l’utopia si è ribaltata nel segno distopico dell’azzeramento.

Inaugurazione  22 luglio 2017, ore 18.30

Sede mostra. Palazzo dei Capitani del Popolo, piazza del Popolo

Orario di apertura. Feriali e festivi ore 10-13, 15-19 ( Ferragosto aperto)

Ingresso gratuito

Catalogo a cura di L. Canova  e S. Papetti, grafiche Fast edit , Ascoli Piceno

 

Una serata…di moda in Pinacoteca

Grande successo per la prima serata di apertura notturna della Pinacoteca Civica: venerdì 7 luglio un folto gruppo di turisti ha seguito un particolare percorso attraverso i capolavori pittorici del museo ascolano volto a scoprire i segreti della moda dei secoli scorsi indagata attraverso i dipinti di Carlo Crivelli, di Pietro Alamanno e di  altri artisti del Rinascimento e del Seicento che rappresentano con grande attenzione gli abiti indossati in quelle epoche lontane. L’abito allora costituiva un importante messaggio legato alla affermazione del prestigio sociale di chi lo indossava e pertanto la foggia del vestito, il colore, la qualità delle stoffe ed il modo di portarlo erano determinanti per il conseguimento di tale scopo celebrativo. La visita è stata accompagnata dalla presenza di un nobile e di una gentildonna che indossavano i preziosi abiti quattrocenteschi della Quintana di Ascoli Piceno, una manifestazione che si segnala proprio per la accuratezza con la quale sono realizzati gli abiti indossati dai numerosi figuranti. Il prossimo appuntamento è fissato per venerdì 14 luglio quando sarà ricordata la figura dell’archeologo e pittore ascolano Giulio Gabrielli (1832-1910) con la visita presso la Pinacoteca ed il Museo Nazionale Archeologico di Ascoli Piceno a partire dalle ore 21.

Ascoli Piceno segnalata tra le mete culturali dell’estate

Il giornalista Stefano Miliani ha predisposto un itinerario nelle regioni dell’Italia centrale che è stato pubblicato sulla più autorevole rivista d’arte italiana, “Il giornale dell’arte”.
Tra le mete segnalate nelle Marche l’autore ha dedicato ampio spazio alla città di Ascoli Piceno che, come scrive “reclama una giornata a ritmo lento perchè, benchè dentro il cratere del terremoto, la città è in piena salute”.
Tra i luoghi da visitare, oltre ai principali musei e le chiese cittadine, Miliani segnala anche la mostra “Minimi avanzi” di Bertozzi e Casoni allestita presso la Pinacoteca Civica fino al 24 settembre prossimo.