Presentato il volume dedicato al Santuario dell’Ambro

Un folto pubblico ha seguito il 9 ottobre scorso la presentazione del volume dedicato al santuario dell’Ambro curato da Stefano Papetti per conto della Carifermo. Gli autori dei saggi sono intervenuti mettendo in luce la storia del luogo, la sua importanza dal punto di vista devozionale, le successive fasi di costruzione del santuario e soprattutto l’originalità del recente intervento di restauro che nell’arco di 300 giorni lavorativi ha consentito di porre rimedio ai danni che avevano reso inagibile l’antico edificio in occasione del sisma del 2016. I risultati più avvincenti di questa indagine congiunta, che ha visto protagonisti ricercatori, archivisti, restauratori ed ingegneri, riguardano proprio l’origine dell’edifico che risale al XI secolo, quando venne realizzata una grande chiesa in stile romanico a tre navate che è stata poi modificata soprattutto nel corso del XVII secolo quando venne realizzato anche l’apparato decorativo di Martino Bonfini e del Malpiedi. L’ edizione curata con grande attenzione da Andrea Livi si avvale di un originale e ricchissimo apparato iconografico realizzato da Domenico Oddi di Ascoli Piceno.

charset=Ascii