Visita e Laboratorio su San Francesco nell’arte

Nella mattinata di ieri un gruppo di ragazzi della scuola media della Suore Concezioniste di Ascoli Piceno, ha avuto l’opportunità di poter visitare la mostra “Francesco nell’arte: da Cimabue a Caravaggio”, per poi divertirsi insieme con un laboratorio dedicato.

20160404_105437Sono stati accolti da Cristina, un’operatrice dei musei, che ha subito spiegato ciò che i ragazzi avrebbero visto e realizzato con le loro mani. Dopo la visita guidata, infatti, avrebbero lavorato alla realizzazione di un libricino pop up con due scene sulla vita di San Francesco: la predica agli uccelli, e l’incontro di San Francesco con il lupo. Continua a leggere

Annunci

L’Amore nell’Arte: “Paolo e Francesca” di Romolo Del Gobbo

Amor, ch’a nullo amato amar perdona,
mi prese del costui piacer sì forte,
che, come vedi, ancor non m’abbandona.

Canto V dell’Inferno di Dante Alighieri

Passeggiando tra le sontuose sale della Pinacoteca Civica di Ascoli Piceno è facile perdersi ad ammirare le tante opere presenti. Quadri piccoli o grandi tele che destano emozioni, mobili pregiati, opere in ceramica, ma anche statue disseminate nei vari luoghi, che colpiscono per il loro realismo, la bellezza artistica, ma anche per le storie che racchiudono.
In particolare, è facile essere rapiti da una statua in bronzo posta al centro della Sala di Cecco – che attinge il nome da uno dei personaggi storici più importanti di Ascoli, Cecco D’Ascoli -, raffigurante una delle coppie d’amanti più celebri della storia e della letteratura: Paolo e Francesca.

Continua a leggere

Pinacoteca…in Fiera!

Le feste natalizie sono l’occasione giusta per aprire le porte della Pinacoteca Civica con una serie di eventi a tema. Ed è proprio quello che è stato fatto domenica 27 e martedì 29, permettendo così a grandi e piccini di conoscere alcune delle opere più importanti, anche attraverso il gioco del “Mercante in Fiera”.

Continua a leggere

Un motivo in più… per andare al museo

Si è aperto domenica 15 novembre presso la Galleria d’Arte Contemporanea “O. Licini” il ricco programma di laboratori ed eventi dei Musei Civici di Ascoli Piceno, che permettono di coinvolgere attivamente adulti e bambini in una serie di curiose e interessanti attività all’interno dei vari luoghi di arte e cultura: la Pinacoteca Civica, il Forte Malatesta, il Museo dell’Arte Ceramica e la Cartiera Papale.

Di seguito, i prossimi eventi:

Continua a leggere

L’arte ceramica salvata dai bambini

Domenica scorsa, presso il cortile interno del Museo dell’Arte Ceramica, è stata approntata l’esposizione delle opere realizzate dai bambini (dai 5 ai 12 anni) che hanno partecipato al laboratorio didattico di arte ceramica. Continua a leggere

Le piastrelle di ceramica decorate dai bambini

Martedì scorso si è svolto l’ultimo incontro di CeramicAscoli Young, il laboratorio di arte ceramica riservato ai bambini dai 5 ai 12 anni.

Riassunto delle puntate precedenti: i bambini hanno iniziato a dipingere le piastrelle di ceramica precedentemente incise con la tecnica dello “spolvero”. Continua a leggere

#educareallabellezza: studenti delle elementari visitano la Pinacoteca

Abbiamo già scritto che per far crescere una coscienza del valore estetico (ed economico) dei beni culturali italiani occorre innanzitutto sensibilizzare i giovanissimi, affinché in futuro sappiano riconoscere il vero tesoro d’Italia, per preservarlo e farlo fruttare nel migliore dei modi. Occorre #educareallabellezza, ma non astrattamente nelle aule scolastiche, il che genererebbe in parte noia e disattenzione, bensì portando i ragazzi all’interno dei musei, cercando il più possibile di coinvolgerli a livello emotivo, con l’aiuto della fantasia, senza abbandonarli al mero nozionismo. Continua a leggere

#educareallabellezza: studenti al Forte Malatestiano

C’è voluta la vandalizzazione della Barcaccia del Bernini a Roma da parte dei tifosi olandesi del Feyenoord per far capire ancora una volta agli italiani quanto sia importante proteggere e preservare i beni culturali, il che si può attuare anche attraverso una capillare “educazione alla bellezza“, senza la quale tutto il resto è vano. Quante volte anche i vandali nostrani hanno deturpato il patrimonio di città d’arte e paesi (attraverso scritte, graffiti e altre brutture) nell’indifferenza generale, dando segno solo di inconsapevolezza e beata ignoranza? Continua a leggere