Giornata del contemporaneo alla Galleria d’arte “O. Licini”

In occasione della 12° edizione della Giornata del Contemporaneo di sabato 15 ottobre 2016, i Musei Civici di Ascoli Piceno parteciperanno con una giornata speciale alla Galleria d’Arte Contemporanea “O. Licini” che rimarrà aperta dalle ore 14.00 alle 19.00 con ingresso gratuito.
Alle ore 16.00 sarà possibile partecipare a TAGLI AD ARTE, un laboratorio liberamente ispirato ai famosi tagli sulla tela dell’artista Lucio Fontana. Dopo la visita alla Galleria e lo studio dell’opera dell’artista “Il telefono è rotto cinque tagli su fondo azzurro”, i partecipanti potranno riprodurre la tecnica esecutiva osservata utilizzando l’argilla, altro materiale caro all’artista, realizzando opere dalle forme bizzarre e tagliando lo spazio per ricreare le suggestioni spaziali ideate da Fontana.
Laboratorio didattico per bambini dai 5 ai 10 anni.
Costo: euro 4,00 a persona
Per info e prenotazioni: 0736 – 298213
tagli-fontana-735x400

“Il telefono è rotto cinque tagli sul fondo azzurro” di Lucio Fontana

 

Notte al museo: gioca con l’arte

loc_notte_museoSabato 10 settembre dalle ore 18 alle 24, in occasione della prima notte bianca dei bambini, i Musei Civici di Ascoli Piceno propongono una divertente notte al Museo dell’Arte Ceramica (piazza San Tommaso) ricca di attività creative rivolte ai piccoli di tutte le età: laboratori di ceramica, visite al museo e letture animate al chiaro di luna!

Alle ore 18, 20 e 22 ci sarà il laboratorio di manipolazione dell’argilla “Con le mani” per creare forme e oggetti stravaganti.

Alle ore 19, 21 e 23 letture animate tra arte e fantasia con “Fiabe in terrazza“.

Il costo è di 5€ per nucleo familiare e comprende il biglietto di ingresso al Museo e ai laboratori didattici.

Per info e prenotazioni: 333 32 76 129.

Da Guercino a Licini: disegni dalle collezioni comunali di Ascoli Piceno

Da martedì 9 agosto sarà possibile ammirare nella Sala della Vittoria della Pinacoteca Civica una mostra dedicata ai disegni più importanti conservati presso le collezioni comunali, molti dei quali sono stati restaurati negli ultimi anni da Sergio Boni a Firenze e da Francesco Maggiori presso il laboratorio della Pinacoteca Civica.

22.giordano

Luca Giordano

Continua a leggere

Con l’Altra Ascoli alla scoperta del territorio

IMG_0840

Nell’ambito del Festival L’Altra Italia, giunto alla V edizione, si segnalano due appuntamenti di particolare interesse dal punto di vista artistico, ambedue ideati da Stefano Papetti: giovedì 21 alle ore 18 è prevista la visita alla chiesa di santa Margherita nel suggestivo borgo di Morignano, dove grazie ai recenti interventi di restauro è riemerso un importante ciclo pittorico quattrocentesco che racconta in modo dettagliato la vita ed il martirio subito dalla santa, invocata in occasione dei parti. Si tratta di uno dei cicli più completi relativi alla santa originaria di Antiochia, ma assai venerata in tutto il Meridione italiano come attestano gli altri affreschi a lei dedicati a Melfi e a Massafra. I devoti giunti a Morignano per chiedere l’aiuto di Margherita hanno lasciato numerose iscrizioni graffite sulle pareti affrescate e molte sono state decifrate: fra queste si segnala quella recante lo stemma del Vescovo di Fermo, il potente cardinale Capranica che evidentemente giunse pellegrino nel santuario della montagna ascolana per invocare la santa vergine. Sabato 23 alle 18 è previsto invece un appuntamento in Pinacoteca dove Stefano Papetti ed Andrea Viozzi guideranno i visitatori lungo un percorso dedicato alla figura di san Francesco e agli altri santi dell’ordine francescano rappresentati nei dipinti del museo ascolano.

Graffito cardinale C. Capranica arcivescovo di Fermo

L’Altra Italia Young 2016

In occasione della manifestazione culturale L’Altra Italia, che si terrà dal 19 al 24 luglio 2016, i Musei Civici di Ascoli Piceno propongono una serie di attività dedicate ai più piccoli.

image001

Ecco il programma completo:

Mercoledì 20 Luglio, presso il Polo Sant’Agostino, ore 17.30

Ascoli com’era e com’è: dall’Archivio Iconografico del Comune di Ascoli Piceno un affascinante viaggio in bianco e nero alla scoperta del divenire della nostra città. Ciascun partecipante realizzerà poi un acquerello en plein air ricordando la città passata.

Giovedì 21 Luglio, presso l’Ufficio Informazioni Turistiche, ore 17.30

Scorci d’arte: visita al giardino comunale, scoprendone i tesori nascosti; dal sacro al profano. Ciascun partecipante realizzerà un affresco, avendo ammirato la tecnica che nei secoli ha abbellito ogni angolo della città.

Venerdì 22 Luglio, presso il Forte Malatesta, ore 17.30

Da Rocchetta a Fortezza: visita animata nel labirintico ambiente dell’antico carcere alla scoperta della sua trasformazione dall’età longobardica fino al secolo scorso. I partecipanti scopriranno, attraverso divertenti prove e quiz, tutto ciò che il Forte Malatesta è stato, cambiando volto insieme alla città.

Sabato 23 Luglio, Galleria d’arte contemporanea “O. Licini”, ore 17.30

Paesaggio che miraggio!: visita guidata alle opere di Tullio Pericoli, dove il paesaggio marchigiano diventa il protagonista principale, seguita dalla lettura di passi di “Le città invisibili”. I partecipanti, ispirandosi ai paesaggi ammirati e alle città fantastiche raccontate, costruiranno la loro città immaginaria.

Domenica 24 Luglio, Ufficio Informazioni Turistiche, ore 17.30

Di pietra in pietra: dopo un breve tour in Piazza Arringo per osservare il travertino, peculiarità della nostra bella città, i partecipanti andranno a creare una loro opera d’arte immaginando di dare stravaganti forme alla bianca pietra.

Tutti i laboratori creativi sono dedicati ai bambini dai 5 ai 10 anni, sono gratuiti e prevedono un numero massimo di 25 partecipanti.

Per avere tutte le informazioni e prenotare è possibile chiamare lo 0736 298 213.

 

Musei Civici e Distrarte Festival

Musei_distrarte

Si rinnova anche quest’anno la collaborazione tra i Musei Civici di Ascoli PicenoDistrarte Festival, in programma per sabato 9 e domenica 10 luglio al Giardino Colucci. Ascoli Musei propone due attività volte ad ampliare il già vasto ventaglio di eventi in programma all’interno di Distrarte, festival dedicato all’arte giunto alla sua seconda edizione. Continua a leggere

Tg3 Marche alla scoperta delle bellezze artistiche del nostro territorio

A partire da lunedì 4 luglio per 9 giorni andranno in onda nell’edizione delle 14 del Tg3 dei brevi servizi a cura del prof. Stefano Papetti su alcune bellezze artistiche del nostro territorio. Prima tappa Ascoli Piceno con il perduto dipinto di Caravaggio, il Piviale di Niccolò IV e il busto del magnate americano JP Morgan nel giardino del palazzo dell’Arengo. Ci si sposterà poi ad Offida per ammirare la chiesa di Santa Maria della Rocca e gli affreschi del Maestro di Offida, in particolare le storie di Santa Caterina e di Santa Lucia. Infine, il viaggio si concluderà a Montefortino presso la chiesa di Sant’Angelo in Montespino e la Pinacoteca Duranti.

 

 

 

Pellizza da Volpedo in prestito alla mostra sul divisionismo a Rovereto

Il 23 giugno verrà inaugurata presso il MART Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto la mostra “Dal Divisionismo al Futurismo. L’arte italiana verso la modernità”, proposta di particolare importanza per il racconto della cultura visiva italiana, in programma fino al 9 ottobre.

Il Divisionismo, movimento ancora poco conosciuto al di là dei confini italiani, si afferma nel 1891 alla Triennale di Brera, con la prima uscita “pubblica” di un gruppo di giovani pittori sostenuti dal critico e mercante d’arte Vittore Grubicy de Dragon. Nato dalle stesse basi teoriche che in Francia sono all’origine del Pointillisme, il Divisionismo si distingue dai movimenti d’Oltralpe poiché intende le nuove ricerche sulla scomposizione del colore come mezzo per l’espressione di soggetti “moderni”, in una duplice declinazione. Attento, da un lato, ai contenuti “sociali” che rispecchiano le difficoltà delle classi più  povere nella nuova Italia unita, il Divisionismo si farà allo stesso tempo interprete delle più aggiornate tendenze internazionali legate al Simbolismo. Nell’opera di artisti come Giovanni Segantini, Pellizza da Volpedo e Angelo Morbelli, le due tendenze convivono in un singolare equilibrio, unico nel panorama europeo, dando vita a una suggestiva trascrizione della realtà sospesa tra vero e simbolo.

La forza rivoluzionaria della nuova poetica porrà le basi per la nascita del Futurismo, movimento d’avanguardia che irrompe sulla scena dell’arte italiana all’inizio del ‘900. “Antipassatisti” per definizione, contrari a tutto ciò che è tradizione, storia, accademia, i pittori futuristi affermeranno che “non può esistere pittura senza divisionismo”. Nella scomposizione del colore e della luce troveranno i mezzi per tradurre quella visione dinamica della nuova realtà urbana, che, esaltando i “miracoli della vita contemporanea” è alla base del nuovo linguaggio pittorico. In questo dialogo tra due generazioni si definisce la nascita della pittura moderna in Italia.

Per dare compiutezza e coerenza scientifica alla mostra, la Pinacoteca civica di Ascoli Piceno ha accordato il prestito dell’opera di Giuseppe Pellizza da Volpedo dal titolo “Passeggiata amorosa” (1901-1902, olio su tela, diametro 100 cm), in cambio di un contributo per il restauro della tavola di Pietro Alamanno “Cristo morto tra i Santi Rocco Sebastiano”.

sala fior di vita_ridotta

Sala Fior di Vita, Pinacoteca Civica, Ascoli Piceno

Si conferma il successo della mostra “Francesco nell’arte: da Cimabue a Caravaggio”

Simone de magistris, Madona del Rosario e Santi, Pinacoteca Civica, Ascoli Piceno

Simone de Magistris, Madonna del Rosario  e Santi, Pinacoteca Civica, Ascoli Piceno

Sono ormai più di dodici mila i turisti che dal 12 marzo hanno visitato “Francesco nell’arte. Da Cimabue a Caravaggio”, allestita presso la Pinacoteca Civica di Ascoli Piceno: un successo tale da spingere l’Amministrazione Comunale e la Società Artifex di Roma a prorogarne la chiusura al 31 luglio, al fine di offrire anche a quanti nelle prossime settimane frequenteranno le spiagge dell’Adriatico la possibilità di ammirare i capolavori riuniti presso la Sala della Vittoria del Palazzo dell’Arengo.

La mostra ha riscosso un notevole interesse sia da parte del pubblico italiano, proveniente per lo più dalle regione confinanti ma anche dalla Lombardia e dal Veneto, quanto da parte dei turisti stranieri, inglesi, olandesi e tedeschi in testa: questi ultimi si presentano alla biglietteria della mostra avendo spesso in mano il ritaglio di un lungo articolo comparso sul quotidiano Süddeutsche Zeitung, stampato a Monaco di Baviera, sul quale pochi giorni dopo l’inaugurazione della mostra è apparsa una recensione dettagliata e molto favorevole. Continua a leggere

Il museo di tutti e per tutti: vivere l’arte con tutti i sensi.

La bellezza del nostro patrimonio culturale dovrebbe essere apprezzata e accessibile a tutti.
Sulla base di questo concetto, la Regione Marche con la collaborazione del Museo Tattile Statale Omero di Ancona ha realizzato un progetto, denominato “Il museo di tutti e per tutti”, il cui obiettivo è quello di migliorare la fruibilità dei musei marchigiani da parte di tutte le diverse categorie di pubblico (DGR n. 954 del 4/8/2014) e di rendere i musei marchigiani degli spazi “aperti”, luoghi d’incontro, educazione e formazione accessibili a tutti.

Continua a leggere