Genio e follia di Fortunato Duranti

Le seguenti opere della Pinacoteca Civica di Ascoli sono appena rientrate da una Mostra che si è tenuta a Fermo:

  • 2 disegni di Fortunato Duranti, Veduta di Roma con il Pantheon e Studi per due vasi a figure nere, un trono e una figura maschile;
  • un disegno di Vincenzo Camuccini, Presentazione di Gesù al Tempio;
  • un dipinto olio su tela di Giuseppe Cades, San Pietro appare a Sant’Agata e a Santa Lucia;
  • 2 dipinti olio su tela di Antonio Cavallucci, Angelo e La Madonna appare al beato Tolomei.

Mi piacerebbe cogliere l’occasione per parlare di alcuni disegni e della figura di Fortunato Duranti, pittore nato e morto a Montefortino (1787-1863).

Continua a leggere

Annunci

Ascoli Piceno: città da guardare, musei da vivere

Il centro storico di Ascoli Piceno somiglia a un’isola sulla terraferma, lambita da due fiumi, il Tronto e il Castellano, e circondata da una cupa vegetazione. Tutt’intorno si estende la città nuova, sorta nel dopoguerra.

Ma il cuore pulsante rimane sempre l’Ascoli medioevale, chiara e signorile, costruita con il travertino, che dialoga con il paesaggio circostante, da Colle San Marco al Monte Ascensione.

La bellezza di Ascoli si ravvisa proprio nell’armonia tra architettura e paesaggio, nel suo insieme urbanistico, dove chiese e monumenti, piazze e viuzze (chiamate rue) entrano in perfetta risonanza, facendone una delle più belle piccole città d’Italia. Continua a leggere